CHI SIAMO

LA MISSION

GPA è un’associazione sportiva no profit, composta da liberi professionisti, golfisti. La Mission di GPA è quella di sovvertire la mancanza di informazioni inerenti il gioco del Golf, nei confronti dei cittadini e dei tecnici delle pubbliche amministrazioni, promuovendo il miglioramento delle nostre città attraverso la diffusione del Golf in tutte le forme possibili.

GPA vuole rendere il Golf istituzionalmente interessante, sportivamente allettante,

imprenditorialmente appetibile e turisticamente attraente!

L’obiettivo di GPA è presentare il Golf non solo come un gioco meraviglioso, ma affinché venga finalmente inteso come straordinario strumento di aggregazione socioculturale e turistica, ma principalmente come volano produttivo di benessere e sviluppo territoriale globale.

Il Golf a Napoli ed in Campania è poco diffuso, viene erroneamente considerato un gioco per privilegiati, perciò, malgrado la presenza di paesaggi unici e suggestivi, sia da un punto di vista naturalistico, che storico ed architettonico, che sarebbero ideali per attirare un turismo sportivo nazionale ed internazionale, i campi dove praticare questo sport sono rari, poco attrezzati e frequentati.

Fatte queste premesse, la mission che GPA si propone nel dettaglio è:

  • diffondere il golf a Napoli e in Campania, sdoganandolo dal preconcetto che sia un gioco “aristocratico” per pochi. Il golf è un bel gioco, a contatto della natura, che sviluppa volontà, impegno, onestà, positività nelle relazioni, qualità proficue per tutti, da incrementare;
  • rendere questa disciplina sportiva istituzionalmente interessante: il golf, prima di tutto, ha una valenza sociale, proprio perché presenta grandi potenzialità educative e formative. Può attirare, inoltre, interessi economici non indifferenti e favorire la crescita di un indotto variegato e proficuo, valorizzando ed arricchendo l’intero territorio;
  • rendere il golf anche nel Sud sportivamente allettante, favorendo la diffusione di eventi e manifestazioni nazionali ed internazionali;
  • operare e cooperare con gli Enti pubblici e soggetti privati presenti sul territorio affinché il golf e l’indotto ad esso legato diventino imprenditorialmente appetibili, cosa del resto già avvenuta in realtà estere (Spagna, Portogallo, Turchia…) e nazionali (la Sicilia ne è un esempio);
  • rendere il golf turisticamente attraente: il gioco avvicina il golfista e chi l’accompagna al territorio che lo ospita, con le sue specifiche ricchezze naturalistiche e culturali (archeologiche, artistiche, museali, enogastronomiche, artigianali…).

La FIG e la Ryder Cup

La Ryder Cup è la più importante manifestazione internazionale di golf. Giocata negli Stati Uniti per la prima volta nel 1927, prende il nome dall’ uomo di affari inglese Samuel Ryder, che fece dono del trofeo.

Il torneo non prevede montepremi: in palio c’è la coppa e l’onore della vittoria.

La Ryder Cup mette di fronte Stati Uniti ed Europa ed è l’unica manifestazione sportiva nella quale il Vecchio Continente gareggia come squadra. Si gioca ogni due anni alternativamente in una città europea o americana.

Il 14 dicembre 2015 l’Italia si è aggiudicata il diritto di ospitare la Ryder Cup 2022. La gara si svolgerà a Roma e la sede ufficiale di gioco sarà il Marco Simone Golf & Country Club.

Sull’onda dell’entusiasmo per questa designazione, il fermento attorno alle cose Golfistiche nel nostro Paese sarà altissimo e l’occasione di affermare definitivamente il Golf sui nostri territori è davvero unica.

Mai come in questi prossimi 5 anni saranno attivate iniziative concrete attorno al mondo del Golf!